The Waiting is Over.

Il primo flagship in Italia di Issey Miyake e Osservatorio della Fondazione Prada sotto l’albero di Natale. Issey Miyake arriva nel Quadrilatero inaugurando un negozio di 800 mq. a Palazzo Reina mentre Fondazione Prada svela Osservatorio, uno spazio dedicato alla fotografia e laboratorio di indagine sulle tendenze e sull’evoluzione della disciplina parallelamente alle altre realtà creative in Galleria Vittorio Emanuele II dove Swarovski firma, anche quest’anno, l’albero di Natale. Brunello Cucinelli e Coachopening soon in Via Monte Napoleone.

one-of-a-kind Swishes

Il lusso scopre ‘dochakuka’ (土着化). #DGMontenapoleone, il nuovo “one-of-a-kind” store di Dolce & Gabbana in Via Monte Napoleone 4. L’ultima sfida di Domenico Dolce &  Stefano Gabbana nasce da un idealistico desiderio di inoculare dosi di virtù culturali ad ogni singolo punto vendita grazie “a una nuova formula dove emozione, confronto, diversità e scambio culturale si fondono in palcoscenici, non più negozi, dove esperienza e racconto diventano protagonisti.” 
Jimmy Choo ha inaugurato in Via Sant’Andrea, 1A il primo negozio in Italia  per l’uomo affiancandolo alla rinnovata boutique donna. Jimmy Choo woman offre adesso l’esclusivo servizio Made-to-Order e ospita una “one-of-a-kind” Vip Room dedicata alla collezione Bridal.
LASA, l’abito “one-of-a-kind”  di più lunga tradizione di Casa Kiton.



Invasione à la Française

Goyard, Chloé, e Céline: “Invasori Contemporanei”. Ooh la la! I tre prestigiosi brand francesi illuminano il Quadrilatero con l’apertura di nuovi flagship. Goyard, il più antico marchio di pelletteria francese, è arrivato in Via Gesù, all’angolo con Via Monte Napoleone. Chloé, fashion house fondata da Gaby Aghion  nel 1952, ha inaugurato il proprio store in Via della Spiga, 30. Céline, invece, ritorna negli spazi restaurati di Via Monte Napoleone 25/2.

MIRELLA DENTI

Mirella Denti Jewellery, “so chic, so gorgeous”.  Nel “salotto dei sogni” di Mirella le magnifiche creazioni di Fabergé, David Webb, Cartier, Bulgari, Tiffany, Van Cleef & Arpels, Maboussin, Lalique, Bulgari e Mirella Denti.
MANNEQUINS


The Times They Are a-Changin'

Fashion R(e)Evolution, Exhibitions & Protest.  
It wouldn’t be MILANO MODA DONNA Fashion Week  without  ‘R(e)Evolution,  Exhibitions & Protest’. ‘See-Now, Buy-Now’: R(e)Evolution or Semantic? Wait and See. The six-day event will see 73 runway shows, 90 presentations – nine of them by invitation – and another 13 events. The Sartorialist’s LA PASSEGGIATA / THE WALK Outdoor Exhibition in Via Montenapoleone. Royal Palace is to present the exhibition “THE ART OF THE ITALIAN BIJOU”. Naked PETA Activists In Gas Masks Kick Off Milan Fashion Week With Anti-Fur Protest. THE SHOW GOES ON!


Lorenzi@Larusmiani
 
G. Lorenzi, is back in Via Monte Napoleone! Italian luxury brand Larusmiani  reserved  an exclusive space for the wide range of Aldo Lorenzi’s exquisite accessories that found a new home in the historic Larusmiani Concept Boutique at number 7 on Via Monte Napoleone. The boutique dates back to 1954 and is the oldest tailor’s shop and ready to wear boutique on Via Montenapoleone; Conde Nast Traveller and Wallpaper defined it as one of the ten best boutiques in the world. Guglielmo Miani and Aldo Lorenzi: the natural and brilliant elegance of two men who play with the essence of style and break the rules.

Ecce Homo? Prima Donna!
 

Via Gesù vs Savile Row. La Ricerca del Meglio. La moda maschile consacra le nuove frontiere dell’Eccellenza e Milano lancia la sua versione di Sawile Row: Via Gesù diventa “La Via dell'Uomo”, epicentro mondiale dell'Italian Lifestyle al maschile. L'obiettivo è quello di ridefinire l’identità di Via Gesù trasformandola in una ‘shopping street’ per soli uomini. Un confortevole approdo per il frenetico gentleman contemporaneo alla ricerca di servizi, prodotti e accessori haut de gamme. “Via Gesù è una realtà totalmente diversa da Savile Row o di ogni altra shopping street, che si desertificano alla chiusura dei negozi. E’ una strada pulsante, con famiglie che qui vivono e conducono attività lavorative secondo l’autentico stile Milanese forgiato dalla storia,” dice Umberto Angeloni, Presidente e CEO di Caruso.